Ultimo aggiornamento 20.10.2017 - 15:04

COMMISSIONE MEZZOGIORNO - Riunione oggi in ANCI su stato attuazione dell'Accordo di Partenariato 2014-2020

  • 27 Lug, 2016
Pubblicato in: Fondi Europei e coesione
Letto: 355 volte
Si è svolta oggi, la Commissione Politiche di coesione territoriale e Mezzogiorno. All’ ordine del giorno un’informativa sullo stato di attuazione dell'Accordo di Partenariato 2014-2020, ma soprattutto il testo di una risoluzione sulle “Priorità strategiche ANCI per lo sviluppo e la coesione territoriale”, proposta dal Presidente della Commissione, Mario Occhiuto, Sindaco di Cosenza, da sottoporre all’approvazione degli organi dell’ANCI e infine all’Assemblea generale prevista per il 12 ottobre p.v. a Bari. In apertura il Presidente Mario Occhiuto, ha centrato il dibattito sulla necessità di infrastrutturazione strategica del Sud, la cui arretratezza ha bloccato i processi di sviluppo anche in settori con potenzialità come il turismo e l’agricoltura. A ciò ha aggiunto il problema della criminalità e del degrado sociale, che si accentua nellle città del Sud nelle “aree marginali” e nelle periferie. A seguire, l’informativa di Francesco Monaco, responsabile dell’Area politiche di coesione e Mezzogiorno dell’ANCI sullo stato di attuazione dell’Acccordo di partenariato 2014-2020. I dati sulla spesa 2007-2013 confermano che è stato scongiurato il rischio di “perdere” risorse comunitarie, i livelli di impegni e pagamenti garantisce l’assorbimento di tutte le risorse a disposizione. Per il ciclo 2014-2020 , a seguito delle verifiche periodiche di EUROSTAT, è stato riparametrato il budget comunitario per le Politiche di coesione. A favore dell’Italia, ai complessivi 73,6 mld (di cui 42,5 mld di risorse UE e 31 mld di co-finanziamento nazionale) assegnati per il ciclo 2014-2020 si aggiungerebbero ulteriori 1,8 mld di fondi strutturali UE. Le comunicazioni sono state seguite da un dibattito molto costruttivo da parte di tutti i partecipanti che ha bene evidenziato le priorità e le criticità da affrontare per la ripresa del Mezzogiorno. Tra le proposte principali quella dello stesso Presidente Occhiuto di combattere la criminalità e il disagio sociale con la riqualificazione delle periferie e delle aree abbandonate delle città del Sud, portando servizi e opere pubbliche in quei quartieri disastrati dagli interventi sbagliati degli anni ’60 e ’70. Queste sono le aree marginali del Sud dove bisogna concentrare risorse ed investimenti. Altre indicazioni sono arrivate da Bari, Napoli, Enna, Craco (MT) e Pellezzano (SA) Tra le altre importanti priorità da perseguire, rilanciare il ruolo di Cassa Depositi e prestiti nel finanziamento di opere comunali di taglia media e piccola, lasciando ai fondi strutturali UE il finanziamento di opere strategiche per il territorio. Occorre inoltre per i comuni medi e piccoli immaginare forme di accompagnamento e supporto alla progettazione per accedere alle risorse per il finanziamento di opere e servizi; tali Comuni non hanno a diposizione nè le risorse umane con le specifiche expertise per progettare, nè le risorse finanziarie per incaricare esperti esterni. A tale scopo , le attività di formazione e informazione per i Comuni vanno potenziate ulteriormente. Da ultimo, si è sottolineato la neccesità di richiedere maggiori spazi di manovra per i Comuni rispetto ai vincoli di finanza pubblica per investimenti nei settori chiave per il Mezzogiorno, come agricoltura e turismo, spazi necessari pena il rischio di “immobilizzare” l’azione degli Enti locali per lo sviluppo. Altra misura cruciale a tale scopo è l’attivazione di forti misure di agevolazione fiscale alle imprese per attrarre investimenti al Sud. Infine, il Presidente Occhiuto, in chiusura di riunione, nel condividere tutti i punti e le proposte emerse dal dibattito, raccomanda di adottare tutte le misure necessarie per garantire l’aggiuntività delle risorse comunitarie e rilanciare il finanziamento tramite altre fonti finanziarie delle politiche ordinarie per il Mezzogiorno. (com) Fonte www.anci.it

Pubblicazioni in evidenza

Twitter

legenda     In presenza
legenda     Webinar
legenda     Seminari