Ultimo aggiornamento 23.11.2020 - 20:36

Imbullonati, tagli compensabili-Italia oggi

  • 20 Lug, 2016
Pubblicato in: Contabilità e Bilancio
TAG:
Letto: 1375 volte

In fase di salvaguardia degli equilibri di bilancio, i comuni possono compensare la riduzione di gettito sugli «imbullonati» con il trasferimento compensativo previsto dal comma 24 della legge di stabilità 2016, anche se la sua erogazione è prevista solo entro il prossimo mese di ottobre.

L'importante indicazione arriva dall'Ifel, che in una nota ha affrontato le problematiche contabili poste dalla detassazione, ai fini Imu e Tasi, dei macchinari, congegni, attrezzature ed altri impianti produttivi, che a partire dallo scorso 1° gennaio possono essere scorporati, su istanza dei possessori, dalla determinazione della rendita catastale. Poiché le nuove rendite rideterminate entro il 15 giugno hanno prodotto effetti anche sull'acconto, tale disciplina ha determinato una perdita di gettito, spesso molto consistente, per tutti i comuni interessati dalla presenza di immobili D nel proprio territorio. A copertura di tale buco, la legge 208/2015 ha stanziato un contributo di 155 milioni di euro l'anno che verrà ripartito, per l'annualità corrente, con un decreto ministeriale, da emanare entro il 31 ottobre 2016. Per quanto riguarda i possibili dubbi sulla coerenza di tale stanziamento, Ifel evidenzia come i primi dati informalmente comunicati dall'Agenzia delle entrate non sembrino evidenziare elementi di allarme circa la congruità dei fondi messi a disposizione. Pertanto, è ragionevole ritenere che le perdite di gettito riscontrate troveranno integrale compensazione con l'assegnazione di ottobre. Da qui la possibilità, già in sede di verifi ca degli equilibri (da quest'anno in calendario entro fi ne luglio), di compensare la minore entrata a titolo I da Imu/Tasi con il futuro trasferimento compensativo (da contabilizzare a titolo II), anche se ciò contrasta con le nuove regole contabili introdotte dal dlgs 118/2011. Infi ne, l'Istituto per la finanza locale dell'Anci segnala che il governo ha aperto sulla possibile erogazione di un acconto del ristoro in questione, che potrebbe essere disposta prima della pausa estiva.

Twitter

Focus


Webinar
e-Learning

In presenza

Seminari