Ultimo aggiornamento 26.09.2020 - 9:39

Dl 50/2017: le misure per le zone terremotate

  • 27 Apr, 2017
Pubblicato in: Contabilità e Bilancio
Letto: 1990 volte

Pubblichiamo, di seguito, i comunicati ANCI con le dichiarazioni del Presidente IFEL Guido Castelli, sindaco di Ascoli Piceno, e del Presidente ANCI MARCHE Maurizio Mangialardi, sindaco di Senigallia (AN), sugli ulteriori interventi adottati per le zone colpite da eventi sismici con decreto legge  n. 50, pubblicato in G.U. il 24 aprile scorso.

Terremoto - Castelli: “Sottosegretario De Micheli mi ha confermato impegno assunto dal Governo”

“Il Governo conferma l'impegno a sterilizzare i vincoli del pareggio di bilancio per i Comuni del cratere sismico”. Lo ha detto il sindaco di Ascoli Piceno, Guido Castelli, parlando del colloquio avuto oggi con il sottosegretario all'Economia Paola De Micheli.
"La misura - ha aggiunto il sindaco Castelli - sarà introdotta con uno specifico emendamento del Governo nel corso dell'iter di conversione della manovra correttiva appena pubblicata in Gazzetta ufficiale".
Castelli ha spiegato che si tratta di "Un intervento assolutamente necessario, vitale per certi versi. La fase delicatissima che stiamo attraversando sul piano della gestione del sisma richiede che le amministrazioni comunali, vere e proprie agenzie pubbliche della ricostruzione, possano sostenersi su pavimenti finanziari solidi".
“E’ impensabile - ha concluso Castelli - che i Comuni sferzati da otto mesi di crisi sismica possano essere assoggettati ai medesimi vincoli gravanti su tutte le altre realtà comunali. L'impegno del sottosegretario, che ringrazio per lo scrupolo e l'attenzione riservata al problema, va nel senso indicato. Attendiamo fiduciosamente la conversione del decreto e monitoreremo la situazione con l'ausilio del commissario Errani che, su questi temi, si è profondamente impegnato a fianco dell'Anci e dell'Ifel". 

Terremoto - Mangialardi (Anci Marche): "Bene la sospensione della Tari per i Comuni vittime del sisma”

"L'auspicio con il quale ci eravamo rivolti al Governo ed al Parlamento era che non si scegliesse di devastare la capacità operativa dei Comuni e dei territori vittime della più grave crisi sismica che l'Italia abbia mai vissuto negli ultimi 300 anni”. E’ quanto detto dal presidente di Anci Marche Maurizio Mangialardi, che ha chiesto: “Al Presidente dell'Anci Decaro di sostenere con determinazione le nostre ragioni, che devono essere la priorità di tutti, non solo delle popolazioni dell'Appennino, contando sull'apporto del Sottosegretario Boschi che è stata punto di riferimento per la capacità di farsi carico e risolvere le istanze dei Comuni del territorio". "Oggi - ha detto in conclusione il presidente Mangialardi - abbiamo avuto delle rassicurazioni importanti e significative".
La sospensione della Tari e la sterilizzazione dell'equilibrio di bilancio per i Comuni del cratere erano tra le richieste principali avanzate dall'Anci Marche per preservare i Comuni dai rischi di un dissesto finanziario causato dalle implicazioni economiche del sisma, ottenendo la deroga all'obbligo del parere di bilancio (ex patto di stabilità) per il triennio 2017/2019. A riguardo, Paola De Micheli, sottosegretario di Stato al Ministero dell'economia, oggi in visita nelle Marche ha rassicurato circa l'accoglimento delle richieste dell'Anci.
I Comuni avevano chiesto di prevedere, anche per il 2017, un congruo e realistico effetto compensativo a fronte dello slittamento rateale del pagamento dei tributi comunali dell'anno in corso. I provvedimenti sono considerati dagli enti locali indispensabili per non soffrire problemi in termini di equilibri di cassa anche alla luce della necessità di anticipare risorse per il pagamento degli interventi in somma urgenza susseguitisi negli ultimi mesi. 

 

Twitter

Focus


Webinar
e-Learning

In presenza

Seminari