Ultimo aggiornamento 05.08.2022 - 22:46

Avviso

IFEL comunica che i propri uffici rimarranno chiusi dall'8 al 19 agosto per la pausa estiva.

L'antenna dei cellulari paga Ici e Imu- Sole 24ore

  • 26 Nov, 2015
Pubblicato in: Entrate e Riscossione
TAG:
Letto: 1672 volte

Le antenne di telefonia mobile sono da accatastare in categoria D e quindi sono soggette a Iciea Imu.

.È questa l'importante conclusione cui è pervenuta la Corte di cassazione con la sentenza n. 24026 depositata ieri che ha visto vincere il comune ricorrente assistito dall'Anutel. La sentenza è importante perché, da un lato, conferma l'applicazione di principi già utilizzati in casi similari, quali gli impianti eolici, e, dall'altro lato, interviene a ridosso di pronunce di merito che non sembrano far tesoro della funzione nomifilattica della Corte.È emblematico che per un caso identico, relativoa un'antenna telefonica posseduta dallo stesso contribuente oggetto della sentenza di Cassazione, la Ctp di Reggio Emilia con la sentenza n.425 depositata il 9 novembre 2015 abbia ritenuto che l'antenna vada accatastata in categoria E. La Cassazione conferma l'operato del catasto, che già con circo­ lare 16 maggio 2006, n. 4 si era occupata in modo dettagliato dell'accatastamento delle antenne della telefonia mobile, distinguendo il caso delle antenne istallate su edifici esistenti da quello su aree di terreno all'uopo destinate. Nel primo caso si tratta di antenne ancorate ai murio sostenu­ te da piccoli tralicci e dai relativi impianti elettrici ed elettronici. Se le apparecchiature elettroniche sono custodite nell'ambito di locali già esistenti, allora, ad avviso dell'Agenzia, non si configura un obbligo di accatastamento. Se, invece, le apparecchiature elettroniche vengono ospitate in specifiche aree e locali, preesistenti o di nuova costruzione, i manufatti devono essere dichiarati in catasto o in forma autonomao come variazione della preesistente unità immobiliare. Nel caso invece, come quello analizzato dalla Cassazione, di antenne collocate in un'area di terreno, di solito recintata, all'interno della quale è installato su platea di calcestruzzo un traliccio cui sono fissate le antenne, sussiste l'obbligo di procedere all'accatastamento. Le indicazioni dell'agenzia del Territorio non sono state però integralmente recepite da parte della giurisprudenza di merito che ha continuatoa ritenere corretto l'accatastamento in categoria E in ragione di una supposta preordinazione a un'esigenza pubblica svolta dalle antenne. Motivazioni queste che erano state già escluse con riferimento agli impianti eolici (Cassazione n. 4030/2012; n. 4498/2012; n. 1979/2015), in quanto ininfluenti ai fini di un corretto accatastamento, anche alla luce di quanto previsto dall'art.2, comma 4 del Dl n. 262/2006, il quale prevede che nella categoria catastale E non possono essere compresi immobilio porzioni di immobili destinati ad uso commerciale, industriale. Ad avviso della Corte, la norma stabilisce una sorta di intrinseca incompatibilità tra la destinazione ad uso commercialeo industriale di un immobile e la possibile classificabilità in categoria E. Peraltro, la Corte aveva già scrutinato la natura dell'antenna di telefonia nella sentenza n. 25837/2008, osservando che «il traliccio in questione ed annessa cabina, alla stregua dall'art. 873 c.c. e della consolidata giurisprudenza di questa Corte, 7285/0512045/02­2228/01, debbano considerarsi a tutti gli effetti costruzioni: ossia opere aventi caratteri di solidità, stabilità ed immobilizzazione rispetto al suolo».

Progetti


Webinar
e-Learning

In presenza

Seminari