Ultimo aggiornamento 29.10.2020 - 13:56

Acconto al 28/6 senza sanzioni - Italia oggi del 22 maggio 2013

  • 22 Mag, 2012
Pubblicato in: Entrate e Riscossione
TAG:
Letto: 530 volte

Versamento dell'acconto Imu senza sanzioni fino al 28 giugno. Dopo la richiesta dello slittamento per la trasmissione del modello 730 al 15 luglio (si veda ItaliaOggi di ieri) la Consulta dei Caf e Assosoftware premono, sul ministero dell'economia e sull'Agenzia delle entrate, per un rinvio delle scadenze legate a adempimenti fiscali che rischiano di avvitarsi in un caos tra calendari ristretti e novità normative al fotofinish.In particolare, in una nota congiunta inviata ieri Roberto Bellini e Valeriano Canepari, rispettivamente direttore generale di Assosoftware e coordinatore della Consulta dei Caf, sottolineano che con l'approvazione del decreto sulla sospensione dell'Imu i contribuenti che dovranno pagare entro la prima scadenza sono milioni e i Caf non ce la fanno a fornire adeguata assistenza.«Al fine di agevolare sia i Caf sia i contribuenti» le due associazioni hanno preso la decisione di «dare anticipatamente attuazione all'emendamento al dl 35/2013 presentato la scorsa settimana, che permette il pagamento della prima rata Imu sulla base delle aliquote e delle detrazioni già utilizzate per il calcolo dell'anno precedente». Nella nota, poi, le due associazioni ribadiscono il rischio che si sta venendo a creare sulla confusione per le delibere 2012-2013. Molti comuni avevano assimilato all'abitazione principale anche i fabbricati degli anziani ricoverati nelle case di riposo o dei residenti all'estero. Consulta e Assosoftware anche sul punto prendono posizione ricordando che «anche per questi soggetti si renda applicabile la sospensione della prima rata dell'Imu 2013».Di fronte, però, alle incertezze operative, che ad oggi esistono, i centri di assistenza fiscale calcolano che avere 20 giorni è un tempo risicato. Sia per predisporre milioni di modelli F24 e sia per i fabbricati di categoria D per cui sarà necessario acquisire negli aggiornamenti del software i nuovi codici tributo resi noti ieri (si veda articolo a fianco). Ecco dunque la richiesta di concedere tempo per versare fino al 28 giugno senza l'applicazioni di sanzioni.

Twitter

Focus


Webinar
e-Learning

In presenza

Seminari