Ultimo aggiornamento 01.06.2020 - 8:29

Archivio nazionale strade e numeri civici - Gestione dei numeri civici

  • 19 Dic, 2016
Pubblicato in: Entrate e Riscossione
Letto: 1938 volte

A seguito della sollecitazione dell’ANCI, l’ISTAT e l’Agenzia delle Entrate hanno assicurato la propria disponibilità ad esaminare le criticità emerse nella gestione dei numeri civici, tramite incontri previsti per gennaio 2017.

E’ quanto emerge dalle risposte del Presidente dell’ISTAT, Giorgio Alleva, e del Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Rossella Orlandi, alla richiesta del Presidente dell’ANCI, Antonio Decaro, di assicurare condizioni di avvio dell’Anncsu sostenibili per i Comuni.

Lo scorso 10 ottobre, infatti, l’Istat aveva indicato ai Comuni di procedere, perentoriamente entro il 31 dicembre 2016, con la bonifica dei numeri civici, dal momento che l’Anncsu non sarebbe predisposto per contenere civici con esponenti numerici. Il Presidente Decaro, quindi, nel sottolineare che la definizione delle variabili e del formato dei dati è oggetto di concertazione con l’ANCI in base all’articolo 5 del DPCM del 12 maggio 2016, ha evidenziato che la richiesta Istat contrasta con “la situazione de facto di numerose realtà territoriali e mette molti Comuni in difficoltà, a fronte di attribuzioni storiche di numeri civici con esponente numerico”.

La risposta collaborativa di Istat ed Agenzia alle sollecitazione dell’ANCI, permette così di superare la scadenza del 31 dicembre 2016 e di definire in modo concertato i necessari aggiustamenti nelle modalità di bonifica dei numeri civici.

Vedi anche notizia sul sito ANCI “TOPONOMASTICA - ISTAT E ENTRATE ACCOLGONO RICHIESTA ANCI, DA GENNAIO PARTE CONFRONTO SU NUOVI NUMERI CIVICI

Twitter

Focus

Webinar
In presenza
Seminari