Ultimo aggiornamento 17.01.2019 - 15:11

Decaro: “Manovra punitiva per i Comuni. Si rimedi già a gennaio”

  • 27 Dic, 2018
Pubblicato in: Ifel Informa
Letto: 754 volte

Nei prossimi giorni pubblicheremo un'analisi di dettaglio delle misure contenute nella legge di bilancio 2019, appena approvata dal Senato.
Il giudizio critico dell'Anci è anticipato dal comunicato che di seguito riportiamo, e riguarda - in particolare - le minori compensazioni IMU-Tasi, il mancato ristoro del taglio ex dl 66/2014, che lo stesso decreto limitava al 2018, l'intervento incongruo sulla percentuale di accantonamento minimo al FCDE, che rischia di aumentare per molti Comuni.

“Quella venuta fuori dal maxiemendamento è una manovra punitiva per i Comuni. Nonostante, infatti, si affrontino spese in molti settori statali, si privano gli enti locali di fondi dati per certi e di manovrabilità sulla spesa corrente. Una scelta incomprensibile, non lenita dagli sforzi pur fatti per la parte degli investimenti, una scelta alla quale ci auguriamo si possa porre rimedio da subito, già a gennaio”. È il commento del presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, alla legge di Bilancio.

“Che si torni a una stagione di tagli ai Comuni è un fatto incontestabile - rileva Decaro - perché mancano oltre cento milioni dei 300 che spettano a 1.800 Comuni per un errore di calcolo nel passaggio dall’Imu alla Tasi, e perché non ci sono stati riconosciuti i 560 milioni relativi al taglio del dl 66, scaduto nel 2018. Un grave danno relativo alla manovrabilità degli amministratori, è quello provocato dall’innalzamento della soglia di accantonamento per il fondo crediti dubbia esigibilità. Con una novità, peraltro: che la quota da accantonare si riduce se si pagano in tempo le aziende. E’ un po’ come se il vigile punisse l’automobilista che passa col rosso, non togliendo punti della patente, ma privandolo del certificato rilasciatogli dalla parrocchia alla Comunione: si mettono in relazione cose che nulla hanno a che fare l’una con l’altra”.

Infine Decaro sottolinea lo sforzo mantenuto in manovra per finanziare gli investimenti anche dei Comuni. “Ci sono, per fortuna, le risorse dovute per il bando periferie e bloccate con il milleproroghe - dice - e ci sono 400 milioni per le opere in tanti piccoli Comuni. È un bene, ma non basta. Anche perché, notoriamente, gli investimenti si fanno grazie alle idee e al lavoro delle persone. Non è possibile assicurare un percorso di progettazione e sviluppo delle opere pubbliche senza poter contare su risorse correnti adeguate, ma anzi dovendo fare i salti mortali per mantenere servizi essenziali di welfare locale“.

Twitter