Ultimo aggiornamento 23.10.2018 - 10:00

Patrimonio immobiliare pubblico. Presentati i Quaderni di AGIDI

  • 25 Mag, 2018
Pubblicato in: Investimenti e patrimonio
Letto: 391 volte

È stata presentata ieri, presso la sede associativa, l’iniziativa “I Quaderni di AGIDI”, frutto della collaborazione tra IFEL, l’Associazione Italiana dei Giuristi di Diritto Immobiliare e la Fondazione Patrimonio Comune.

Lo scopo principale di questa importante collaborazione è quello di stimolare il dibattito sui temi legati alla ottimizzazione della gestione dei patrimoni immobiliari pubblici.

All’incontro, aperto dagli interventi di Riccardo Delli Santi, Presidente AGIDI, e Stefano Mantella, Vice Presidente AGIDI con delega per i soggetti pubblici, sono intervenuti tra gli altri, Guido Castelli, Sindaco di Ascoli Piceno e Presidente IFEL, e Mario Occhiuto, Sindaco di Cosenza e Presidente FPC.

La collaborazione tra IFEL, AGIDI e FPC - ha dichiarato Castelli - nasce dall’esigenza di incrementare la cultura dei principi di valorizzazione del patrimonio, inquadrandola come un segmento della più generale strategia di trasformazione urbana, che le città sono chiamate ad attuare per consolidare il rapporto con le rispettive comunità. L’obiettivo di accelerare le procedure di valorizzazione, per le quali sono già riconosciuti spazi finanziari, può essere raggiunto solo con adeguate competenze che al momento sono ostacolate anche dal blocco del turnover. IFEL, con questa collaborazione, intende mettersi a disposizione di Sindaci e amministratori locali, nel promuovere e diffondere le conoscenze alla base dei processi di valorizzazione del patrimonio immobiliare pubblico”.

Il Sindaco Occhiuto, ha sottolineato l’importanza di questo processo: “l’avvio di questa iniziativa è di grande interesse perché i Quaderni sono utili strumenti per la diffusione della cultura del riuso, scelta ormai obbligata per la crescita delle città italiane. È ormai noto che la crescita urbana a macchia d’olio delle nostre città è un capitolo chiuso. Di conseguenza l’unica strada percorribile, per l’edilizia pubblica e privata, passa per il riuso e per la valorizzazione del patrimonio pubblico”.

I Quaderni sono pensati come agili manuali d’uso per approfondire specifiche tematiche di interesse degli operatori, con uno sguardo particolare rivolto agli Enti Pubblici proprietari, per supportarli nella comprensione degli aspetti più importanti della gestione immobiliare e dotarli degli strumenti essenziali per relazionarsi con il mercato.

Il primo numero, accompagnato dalle autorevoli prefazioni del Responsabile Direzione VIII del Dipartimento del Tesoro, Bruno Mangiatordi, e di Guido Castelli, Sindaco di Ascoli Piceno e Presidente IFEL, contiene una introduzione sistematica che ripercorre, senza pretesa di esaustività, il quadro normativo di riferimento e i principali strumenti per la valorizzazione e dismissione degli immobili pubblici. A partire da settembre saranno pubblicate le monografie di approfondimento su temi fondanti come il censimento, la due diligence immobiliare o di particolare attualità, come il contratto di disponibilità e la riforma del terzo settore, temi che saranno individuati e costruiti anche attraverso il confronto diretto con gli Enti territoriali e corredati da formulari, best practice, FAQ.

Twitter