Ultimo aggiornamento 18.10.2019 - 17:26

“Taxation Trends in the European Union 2017”, il Rapporto Ue 2017

  • 23 Ott, 2017
Pubblicato in: Notizie
Letto: 578 volte

La commissione Europea ha appena pubblicato il rapporto “Taxation Trends in the European Union”, per l’anno 2017, che si riferisce alla pressione fiscale ne paesi membri nel periodfo 2005/2015.
Secondo la Ue l’Italia è al secondo posto relativamente all’aumento della pressione fiscale rispetto al Pil, con un dato del si attesta al +3,2 %, contro una media europea che è al 1%.

Al primo posto vi à la Grecia con un + 4,5% derivante dalle politiche di salvataggio imposte dalla Commissione Europea. Il Portogallo assieme all’Estonia occupa, invece, la terza posizione in questa particolare classifica con un 2,8%. I paesi forti, come Francia e Germania, hanno segnato rispettivamente il 2,2% e il 2,3%.Altresì nella classifica di coloro che hanno ridotto la pressione vi è l’Irlanda con un segno meno nel decennio che si attesta al 6,3%, seguita dalla Svezia, (-3,2%) , dalla Lituania (-2,9%) e dalla Spagna(0.9%). La lettera di questa particolare classifica deve essere fatta in funzione del fatto che la più alta pressione fiscale non vuol significare che siamo di fronte a delle tasse più alte perché ha dei differenti livelli. Se prendiamo in considerazione la Grecia, ad esempio, nel solo 2015 la tassazione è stata pari al 25,7% del pil, pari a 45 miliardi di euro in valori assoluti; contro il 30,2% dell’Italia a quasi 496 miliardi di entrate fiscali totali.

Filtra le notizie

Filtri tematici notizie

Tag

Ricerca Titolo

Twitter

Focus

Webinar
In presenza
Seminari