Ultimo aggiornamento 23.10.2018 - 10:00

Istat, il Rapporto Annuale 2018

  • 16 Mag, 2018
Pubblicato in: Notizie
Letto: 481 volte

Presentato, quest’oggi, il Rapporto 2018 dell’Istat. Tante istantanee, quelle dell’Istituto di Statistica, che fotografano un paese dalle mille sfaccettature. Ad incominciare dalla popolazione totale che per il terzo anno di seguito è in diminuzione (meno 100 mila). Gli italiani si stima essere 60,5 milioni con una quota di stranieri fissata a 6,5 milioni, corrispondente all’8,4% del totale. Il belpaese continua ad essere uno dei paesi più longevi al mondo. Con una media di 80,6 anni per gli uomini e 84,9 anni per le donne registrati nell'annata 2017. A Trento (83,8 anni) e a Firenze (84,1 anni) vi è il tasso più alto di longevità. Napoli e Caserta, invece, detengono il tasso più basso (80,1 anni).

Nel riferimento alla popolazione dall’Istat emerge che l’Italia è il secondo paese più vecchio al mondo con il record di 168,7 anziani per ogni 100 giovani. Questo elemento presuppone una fragilità di fondo legata al welfare che è sintomo di preoccupazione generalizzata.Nonostante ciò, gli indicatori economici dicono che si è nel terreno della positività con numeri che non si materializzavano da più di otto anni. A trainare la locomotiva è la risalita dei consumi delle famiglie e quella della produzione industriale.
Nel Rapporto Annuale di Istat la questione legata al lavoro è centrale; il tasso di occupazione cresce (per il quarto anno consecutivo) ma è ancora sotto i rilevamenti del 2008. Un italiano su quattro trova lavoro attraverso la propria rete amicale e familiare.

Nel dettaglio del lavoro si evidenzia una perdita di manualità, ovverosia vi è una marcata contrazione degli occupati nell’artigianato (circa un milione in meno). Di contro vi è una maggior presenza di occupati nel settore del commercio e dei servizi (circa 800 mila nuovi lavoratori). Sempre nel campo del lavoro, aumentano le quote delle donne occupate. Nel 2017 si è arrivati alla quota del 49%, ogni anno questo rilevamento è in crescita continua. Peccato che l’Italia è penultima, nel contesto Europeo, relativamente alle quote delle donne che lavorano.
Infine, sempre per le tematiche del lavoro, si evidenzia che i centri decisionali che guidano l’economia italiana sono concentrati, come sempre, al nord-est. In una misura quasi predominate rispetto al resto del paese. Il medesimo discorso vale per la produttività del lavoro.
Agli elementi di positività emersi si contrappone un aumento della povertà e delle diseguaglianze. Sono cinque milioni le persone interessate a queste dinamiche. La povertà assoluta interessa 1,8 milioni di famiglie. Aumentano, di conseguenza, le disuguaglianze economiche con una marcata presenza di persone sotto la soglia di povertà. 

Questa situazione è confermata dall’Overall perceveid social support, un indicatore condiviso a livello europeo, che mostra l’estensione della rete di sostegno sociale, il grado di solitudine e di isolamento e il sostegno pratico. Ecco, a fronte di queste dinamiche l’Italia è in uno stato di continua fragilità.
Passando ai trasporti pubblici, emerge che 4 italiani su 5 utilizzano mezzi propri e che, quindi, coloro che utilizzano il mezzo pubblico per muoversi sono solo l’11%. Un dato che è decisamente sotto alla media europea. Un altro indicatore che emerge dal Rapporto Istat è la presenza di un deciso miglioramento sul fronte della sicurezza, seguendo una tendenza di decrescita, relativa ai furti, avviata già nell’annata 2013/14.

Sul fronte dei servizi, ed in particolare sulla fruizione della rete internet, emerge che l’Italia è a due velocità, con il centro nord che corre celermente verso la quota del 68,65% di individui che la utilizzano ed un sud con il freno a mano tirato che supera appena la percentuale del 55%.
Infine, nel Rapporto Istat si evidenza che nel campo sanitario le Regioni con la più alta mobilità ospedaliera in uscita ci sono Molise, Calabria e Basilicata. Le stesse Regioni detengono, contestualmente, il più alto tasso di insoddisfazione tra i propri abitanti. Ecco in pillole alcune istantanee che sono emerse nella presentazione del Rapporto Istat 2018 che è in allegato.

Filtra le notizie

Filtri tematici notizie

Tag

Ricerca Titolo

Twitter

Focus

Webinar
In presenza
Seminari