Ultimo aggiornamento 21.06.2018 - 15:29

L’OCSE prevede un’economia mondiale più forte

  • 30 Mag, 2018
Pubblicato in: Notizie
Letto: 123 volte

Investimenti, posti di lavoro e sviluppo del commercio, sono i cardini dove si appoggia l’economia mondiale, secondo l'analisi OCSE, attraverso l’uscita del suo periodico “Economic Outlook”. Il tutto connesso ad allentamenti fiscali e a politiche più accomodanti. Si prevede una crescita generalizzata, nel globo, che dovrebbe attenersi al 4%.
Altresì, l’Ocse avverte la presenza di elevate preoccupazioni per un futuro immediato a causa delle tensioni commerciali esistenti e dalla crescita repentina del prezzo del petrolio che alla lunga genererebbe un aumento dell’inflazione. In ogni caso le previsioni sono tali che la disoccupazione viene vista al ribasso come non accadeva dal 1980. Per dare stabilità e forza alla crescita, secondo il segretario OCSE, Angel Gurria, "i responsabili delle politiche devono concentrarsi maggiormente sulle politiche strutturali per aumentare le competenze e migliorare la produttività per ottenere una crescita forte, sostenibile e inclusiva". Quindi, secondo l’OCSE, all’orizzonte vi è la necessità di politiche di crescita e di investimenti per elevare il tenore di vita dei cittadini.
Per l’Italia l’Ocse immagina una decrescita del Pil, che era all’1,6% nel 2017, e prevede sarà all’1,1% nel 2019. Il resto delle previsioni per il 2019 di Ocse ci dicono che il tasso di disoccupazione sarà al 10,8%, il saldo fiscale al -0,9% e l’inflazione primaria all’1,7%.

Filtra le notizie

Filtri tematici notizie

Tag

Ricerca Titolo

Pubblicazioni in evidenza

Twitter

Webinar
In presenza
Seminari