Ultimo aggiornamento 05.06.2020 - 20:08

Debiti p.a., 6 regioni e 30 grandi comuni inerti - Italia Oggi dell'8 maggio

  • 08 Mag, 2013
Pubblicato in: Pagamenti
Letto: 1166 volte

Le richieste degli enti locali di deroga al Patto per sbloccare i pagamenti dei debiti pregressi ammontano a circa 5,2 miliardi di euro. Di questi, 4 miliardi riguardano i comuni e i restanti 1,2 miliardi le province. Il dato è stato comunicato ieri, all'indomani della scadenza del termine ultimo per l'invio dei dati alla Ragioneria generale dello stato, dopo la proroga concessa nei giorni scorsi rispetto alla dead line del 30 aprile fissata dal dl 35. Ora scatta il conto alla rovescia per la Conferenza stato-città e autonomie locali, che entro il 10 maggio potrà definire propri criteri di riparto. In mancanza, provvederà direttamente il Mef, adottando un criterio di tipo proporzionale secondo le priorità già individuate (prima i debiti non estinti all'8 aprile e, fra questi, priorità a quelli relativi a lavori pubblici). Intanto, continuano le polemiche sulle mancate iscrizioni alla piattaforma telematica del Mef per la certificazione. Dopo Rete Imprese Italia (si veda ItaliaOggi del 1° maggio), ieri è stata la Cgia di Mestre a sollevare il problema. In base agli ultimi dati disponibili (ma molti enti hanno affermato ieri di essersi messi in regola) all'appello mancano ancora, oltre a molti piccoli comuni, anche sei regioni e diversi capoluoghi di provincia.

 

 

Fra le regioni, risultano ancora inadempienti Abruzzo, Basilicata, Campania, Lazio, Lombardia e Marche, cui si aggiunge anche la Provincia autonoma di Bolzano. In pratica, quindi, un governatore su tre deve ancora accreditarsi alla procedura. Non va molto meglio fra i capoluoghi di provincia, dove i renitenti sono 30, ovvero circa uno su quattro. Fra questi, anche alcuni grossi calibri, come i comuni di Torino, Bologna, Bari e Trieste. La stessa Cgia ricorda che il processo di accreditamento si completa solo dopo qualche giorno dall'immissione dei dati. Quindi, non è da escludere che le caselle mancanti si riempiano nelle prossime ore. Del resto, lo stesso Mef ha ammesso, almeno in parte, il proprio concorso di colpa, evidenziando come l'elevato numero delle richieste abbia un po' rallentato i tempi di risposta. Tuttavia, se così non fosse, si porrebbe un serio problema, dato che l'iscrizione rappresenta un'operazione necessaria per avviare l'iter procedurale per il pagamento dei fornitori. Il dl 35/2013, infatti, prevede che tutti i debiti che non saranno estinti grazie alle prime misure da esso previste debbano essere comunicati al Mef mediante la piattaforma a partire dal 1° giugno ed entro il 15 settembre e che tale comunicazione, per il creditore, valga a tutti gli effetti come certificazione del rispettivo credito. Certo, in teoria potrebbe darsi il caso di enti che non si registrano per mancanza di passività. Ma scorrendo l'elenco dei non iscritti è facile accertarsi che non è così. Oltre ad una regione cronicamente indebitata come la Campania, infatti, troviamo, Alessandria, finito in dissesto proprio a causa del peso della sua massa debitoria.

Twitter

Focus

Webinar
In presenza
Seminari